TARI

mer 24 maggio 2017
a cura della Redazione

tari78x78.jpg

 

 

 

 

 

 

COS'È LA TARI

 

CHI PAGA LA TARI

 

ESENZIONI TARI

 

TARIFFE

 

SCADENZE E MODALITA' DI PAGAMENTO

 

QUALE SUPERFICIE SI CONSIDERA AI FINI TARI

 

AGEVOLAZIONI E RIDUZIONI

 

CODICI TRIBUTI TARI

 

MODULISTICA

 

REGOLAMENTO

 

 

COS'E' LA TARI

 

TARI è l'acronimo di Tassa Rifiuti, la nuova imposta comunale istituita con la legge di stabilità 2014. Essa in pratica prende il posto della TARSU e della TARES.

Il presupposto della TARI e' il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

 

CHI PAGA LA TARI?

 

La TARI è dovuta da chiunque possieda o detenga, a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte a qualunque uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. In caso di pluralità di possessori o di detentori, essi sono tenuti in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria.

 

Sono escluse dalla tassazione le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative e le aree comuni condominiali che non sono detenute o occupate in via esclusiva.

 

In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a 6 mesi nel corso dello stesso anno solare, la TARI è dovuta soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione o superficie.

 

Nel caso di locali in multiproprietà e di centri commerciali integrati, il soggetto che gestisce i servizi comuni è responsabile del versamento della TARI dovuta per i locali e le aree scoperte di uso comune e per i locali e le aree scoperte in uso esclusivo ai singoli possessori o detentori, fermi restando nei confronti di questi ultimi gli altri obblighi o diritti derivanti dal rapporto tributario riguardante i locali e le aree in uso esclusivo.

 

 

ESENZIONI TARI

 

Sono escluse le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali che non sono detenute o occupate in via esclusiva. Articolo 6 Regolamento TARI.

 

 

TARIFFE TARI

 

TARIFFE TARI 2017

 

 

 

SCADENZE E MODALITA' DI PAGAMENTO TARI

 

I pagamenti dovranno essere effettuati a mezzo del modello F24 allegato all’avviso di pagamento, recandosi presso qualsiasi sportello bancario o postale. I pagamenti TARI possono essere eseguiti in due rate definite Acconto e Saldo, come sotto specificato, o in una unica soluzione entro il 31 Marzo di ogni anno. L’avviso di pagamento viene trasmesso dal Comune tramite il Servizio Postale.

 

ACCONTO 2017 - SCADENZA 31 MARZO 2017 - Pari a quanto dovuto per i primi 6 mesi dell’anno, calcolato sulla base delle Tariffe deliberate per l’anno 2017.

 

SALDO 2017 – SCADENZA 30 SETTEMBRE 2017 – Pari a quanto dovuto per il secondo semestre dell’anno 2017, con le medesime tariffe deliberate a far data dall’01/01/2017. Sul Saldo saranno calcolati eventuali conguagli a debito o a credito per variazioni intervenute, dichiarate e/o accertate entro il 10 Agosto 2017. 

 

 

QUALE SUPERFICIE SI CONSIDERA AI FINI DELLA TARI?

 

Per l'applicazione della TARI si considerano le superfici dichiarate o accertate degli immobili assoggettati al Tributo, come previsto dal vigente Regolamento Comunale IUC –TARI.

 

Ai fini dell'attività di accertamento, il Comune, per le unità immobiliari ordinarie iscritte o iscrivibili nel catasto edilizio urbano, può considerare come superficie assoggettabile alla TARI, quella pari all'80% della superficie catastale, determinata secondo i criteri stabiliti dal Regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n.138. Per le unità immobiliari diverse da quelle a destinazione ordinaria iscritte o iscrivibili nel catasto edilizio urbano, ovvero quelle incluse nelle categorie catastali D ed E, la superficie assoggettabile alla TARI rimane quella calpestabile.

Secondo l'Osservatorio del mercato mobiliare la superficie utile calpestabile è la superficie al netto dei muri interni, di quelli perimetrali  e dei pilastri. Sono però esclusi:

 

a) i locali con altezza inferiore a m. 1,5;

b) le rientranze e sporgenze per motivi estetici, salvo che siano fruibili;

c) scale, pianerottoli e ballatoi comuni;

d) le scale all'interno delle unità immobiliari da considerare solo per la proiezione  orizzontale;

e) i locali tecnici.

 

Nella determinazione della superficie assoggettabile alla TARI non si tiene conto di quella parte di essa ove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori, a condizione che ne dimostrino l'avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente, dandone comunicazione scritta agli uffici comunali.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda all'art. 7 del Regolamento TARI.

Produzione di rifiuti speciali non assimilati ad urbani: riduzioni ed esenzioni superficiarie (vedere art. 8 del Regolamento TARI commi 1 e 4).

Casi particolari di abbattimento delle superfici per particolari attività (falegnamerie, officine, lavanderie, vetrerie e altro): vedere art. 8 Regolamento TARI comma 2.

Per fruire delle esclusioni, riduzioni, abbattimenti ed esenzioni superficiarie vedere vedere art. 8 Regolamento TARI comma 3.

 

AGEVOLAZIONE E RIDUZIONI TARI

 

1. Sono esentati dalla tassa, oltre ai casi espressamente previsti dalle leggi vigenti:

 

a) i locali e le aree utilizzati per l'esercizio di culti ammessi nello Stato, con esclusione dei locali annessi ad uso abitativo o ad usi diversi da quello del culto in senso stretto;

b) i locali e le aree non utilizzati di proprietà del Comune.

 

2. La tariffa per le sole abitazioni di residenza per i nuclei familiari composti da un solo membro ultra sessantacinquenne o disabile è ridotta di un terzo. L’agevolazione non è prevista nel caso di coniugi non separati legalmente o divorziati che abbiano fissato le residenze anagrafiche in immobili diversi, anche se non nello stesso Comune, e viene determinata d’ufficio.

 

3. La medesima agevolazione di cui al punto precedente è altresì prevista per i nuclei composti da due membri entrambi ultra sessantacinquenni o con un membro disabile, qualsiasi ne sia l’età, purché con ISEE familiare inferiore ad € 18.000,00. Le agevolazioni verranno riconosciute a seguito di apposita richiesta autocertificante il possesso dei requisiti, da presentarsi al protocollo del Comune (anche tramite PEC) entro la data del 28 febbraio del primo anno di diritto all’agevolazione stessa. Le variazioni dovranno essere comunicate entro la data del 28 febbraio dell’anno successivo a quello in cui sono avvenute con le medesime modalità di cui sopra. Le eventuali variazioni tributarie saranno compensate entro l'anno successivo. Per l’anno 2017, essendo variato il limite di reddito con Regolamento approvato oltre il 28 Febbraio, la richiesta di agevolazione può essere presentata entro il 10 Agosto 2017.

 

4. Per cittadini ultra sessantacinquenni s’intendono coloro i quali abbiano compiuto il sessantacinquesimo anno d’età alla data del 31 dicembre precedente all’anno di assoggettamento al tributo.

 

5. Ai cittadini, proprietari di abitazioni edificate sul territorio comunale, residenti e non residenti, che ivi praticano in modo conforme il Compostaggio Domestico e che abbiano sottoscritto col Comune di Savignone il Contratto di Comodato d'Uso Gratuito per la dotazione di una compostiera (compilato in ogni sua parte con i dati essenziali), la Tassa Rifiuti Solidi Urbani può godere di una riduzione del 10%. Tale riduzione è applicata con riferimento esclusivamente alla superficie dell'abitazione presso la quale risulta ubicata la compostiera. Sono esclusi dal conteggio altri locali quali box, cantine, soffitte e affini, poiché esse non producono FORSU.

La riduzione è concessa a condizione che il comodatario ne faccia apposita richiesta autocertificando quanto previsto dal vigente Regolamento Comunale.

 

Per altre agevolazioni o esenzioni si rimanda al vigente Regolamento Comunale IUC-TARI.

 

Per l’anno 2017 le istanze di variazione tariffaria da una categoria ad un’altra prevista dal Regolamento IUC – TARI approvato il 30.03.17 possono essere presentate entro la data del 10 Agosto.

 

CODICI TRIBUTO TARI

 

I codici F24 rinominati che identificano la TARI sono:

 

 3944 – TARI

 3945 – TARI  interessi

Clicca qui per inviarci la tua opinione