Esenzioni IMU

gio 23 novembre 2017
a cura della Redazione

imu78x78(3).jpg

Sono esentati dal pagamento dell'IMU per l'anno 2017:                                                                                                                                                                                                   

  • L'ABITAZIONE PRINCIPALE (Prima casa, escluse le Categorie A1 - A8  - A9, ovvero le case di lusso).
  • LE  PERTINENZE DELL'ABITAZIONE PRINCIPALE (una per ciascuna categoria C2 - C6 - C7,  ovvero Cantine, Box e Tettoie).  
  • UNA SOLA ABITAZIONE CON RELATIVE PERTINENZE (come sopra indicato) di proprietà di PERSONA RICOVERATA E RESIDENTE IN CASA DI CURA, purché gli immobili non siano locati o concessi in comodato.
  • GLI IMMOBILI ESENTATI DALLO STATO (Art. 14 del Regolamento Comunale IMU).  VEDI ELENCO
  • GLI IMMOBILI NON ASSOGGETTABILI ALL'IMPOSTA (Art. 4 del Regolamento Comunale IMU). VEDI ELENCO
  • LE QUOTE DI FABBRICATI IN COMPROPRIETÀ DERIVANTI DA EREDITÀ O ALTRI DIRITTI REALI possono godere delle agevolazioni riservate all’abitazione principale e alle sue pertinenze, ovvero dell’esenzione della quota di tributo di spettanza, fino alla concorrenza del tributo stesso, qualora il soggetto passivo utilizzi uno degli immobili e pertinenze come abitazione principale, a condizione che i comproprietari (ciascuno autonomamente) non possiedano altre unità immobiliari di qualsiasi tipologia. Tale agevolazione è attribuibile ai contribuenti in possesso di un reddito familiare (prendendo a riferimento la famiglia anagrafica) non superiore ad Euro 37.000,00. Per ottenere detta agevolazione è necessario presentare apposita dichiarazione entro il 30 giugno dell’anno successivo all’anno d’imposta con documentazione probatoria allegata. I possessori di quote immobiliari che non utilizzano uno degli stessi immobili in comproprietà come abitazione principale o che possiedono altri immobili o altre porzioni di immobili saranno invece assoggettati alle norme che disciplinano la categoria “altri immobili”. Detta agevolazione vale solo ai fini IMU.
  • I FABBRICATI RURALI STRUMENTALI ALL’IMPRESA AGRICOLA - Sono esenti IMU e nel Comune di Savignone anche esenti TASI i fabbricati esclusivamente strumentali ad impresa agricola riconosciuta, come definita  dall’art. 39 D.P.R. 917/1986 (TUIR) e dall’art. 2135 del Codice Civile, ovvero l’attività d’impresa diretta alla coltivazione del terreno e alla silvicoltura, alla manipolazione e trasformazione di prodotti agricoli, all’allevamento di animali, alla protezione delle piante, alla conservazione dei prodotti agricoli, alla custodia delle macchine, degli attrezzi e delle scorte occorrenti per la coltivazione, nonché l’attività agrituristica, svolti in maniera non occasionale.
  • TUTTI I TERRENI COMPRESI QUELLI AGRICOLI, ESCLUSE LE AREE FABBRICABILI - Per “area fabbricabile” si intende l’area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi ovvero in base alle possibilità effettive di edificazione determinate secondo i criteri previsti agli effetti dell’indennità di espropriazione per pubblica utilità (Art. 7, comma 4 del Regolamento IUC – IMU). Allo scopo di ridurre l’insorgenza di contenzioso, il Comune determina periodicamente e per zone omogenee con Deliberazione di Giunta Comunale ratificata dal Consiglio Comunale i valori venali di riferimento delle aree fabbricabili. Per l’anno 2017 occorre riferirsi alla Deliberazione GC n. 28 del 09.03.2017 ratificata nella seduta del Consiglio Comunale del 30.03.2017.
  • I FABBRICATI DIRUTI senza copertura e con le murature in elevazione di altezza media inferiore a m. 1,50 se ricadenti in ambiti del P.U.C. non edificabili.
  • IMMOBILI MERCE ovvero fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati (non pagano IMU ma pagano la TASI).

I fabbricati parzialmente costruiti, che costituiscano autonome unità immobiliari, sono invece assoggettati all’imposta a decorrere dalla data di inizio della loro utilizzazione.

 

TORNA ALLA PAGINA IMU